Quattro adolescenti di Ho Chi Minh City (Saigon, Vietnam) sono stati arrestati a fine dicembre scorso dopo aver rubato oltre 1.200 cani negli ultimi due mesi. Anche APA ne avevamo parlato nei propri social in questo post (linkato) dello scorso 14 dicembre.

Gli inquirenti sono arrivati ai quattro grazie alle registrazioni di una telecamera che ha ripreso la scena di un rapimento di un cane nelle vie della città.

Nel video si vedono chiaramente i quattro adolescenti ladri di cani a volto coperto, sparare a un cane di compagnia di 10 anni mentre camminava con il suo proprietario in pieno giorno. Il proprietario sconvolto ha cercato disperatamente di allontanare i ladri, provando a riprendere il proprio cane che giaceva paralizzato per terra, ma è stato minacciato a sua volta dai delinquenti che hanno ricaricato prontamente la loro pistola elettrica e gliela hanno puntata contro, minacciandolo di ucciderlo.

Dopo aver visto i filmati delle telecamere, la divisione di polizia criminale di Ho Chi Minh si è coordinata con la polizia del distretto 12 (luogo dove erano state fatte le riprese) per arrestare i quattro criminali tra i 17 e i 18 anni, con l’accusa di furto di proprietà e rapina. I ladri di cani sono: Le Anh Hao (17 anni), Nguyen Tan Duy (18 anni), Nguyen Trong Nhan (18 anni), Nguyen Thanh Loc (17 anni), saranno presto processati.

Sono proprio loro che il 3 dicembre, equipaggiati con spray al peperoncino e taser, lungo Vo Thi Phai Street nel distretto 12, avevano paralizzato e rubato un cane proprio di fronte al suo proprietario.

Dopo la loro cattura da parte della polizia, i quattro hanno ammesso di aver rubato circa 10 cani quello stesso giorno.

Le prove mostrano che il gruppo di adolescenti aveva ripetutamente rubato più di 1.200 cani negli ultimi due mesi“, ha confermato un ufficiale.

ll gruppo di giovani delinquenti operava tra le 4 e le 7 del mattino ogni giorno, la banda di ladri di cani ha ammesso di aver rubato oltre 1.200 cani tra i mesi di novembre e dicembre. Rapivano una media di 12 cani al giorno e li vendevano ai macellai per un rapido guadagno. Poi dividevano equamente il denaro tra di loro per bere e giocare d’azzardo.

Gli agenti di polizia che li hanno arrestati hanno scoperto un piccolo arsenale con cui i quattro ladri operavano: bombole di gas lacrimogeno e spray al peperoncino, da usare su qualsiasi persona o poliziotto che osava mettersi sulla loro strada.

Questa è la prima volta che la polizia di Ho Chi Minh City ha catturato e gestito un tale gruppo di ladri e rapinatori di cani. Si tratta di un’azione della polizia senza precedenti“, ha detto un investigatore.

Il Vietnam consuma circa cinque milioni di cani all’anno, secondo solo ai 20 milioni della Cina. Molti cani serviti nei ristoranti sono infatti animali domestici rubati e venduti a piccoli macelli non regolamentati, non diversamente da quello che accade e che abbiamo registrato in Cina.

Attualmente è in corso un’indagine perché questi 4 giovani ladri e criminali sono solo una piccola parte di un gruppo feroce che si muove senza scrupoli per rubare cani e gatti anche di proprietà e li rivende al circuito illegale di carne di cane e di gatto.

 

Foto dal web

 

 

SOSTIENICI