Ha trascorso dieci giorni in un rifugio in Spagna con 500 cani abbandonati, tra galgo e podengo, le razze di cani che in questo paese vengono sfruttati per la caccia e che, a fine carriera, vengono per lo più uccisi, mentre chi sopravvive finisce randagio e raccolto dalle associazioni animaliste locali.

Travis Patenaude è un fotografo americano di Chicago che è stato soprannominato “il fotografo dei cani”, particolarmente affascinato da queste due razze di cani di cui in Spagna i rifugi sono pieni e per i quali sono sempre in cerca di una famiglia.

Ha trascorso una decina di giorni in un rifugio fotografando i cani ospiti del rifugio che si separavano dalle persone che si prendevano cura di loro e con i quali avevano instaurato un rapporto di affetto e fiducia.

Il fotografo americano è famoso perché ama fotografare animali in difficoltà, cerca di aiutarli e ha spesso dichiarato che le sue più grosse passioni sono la fotografia e gli animali. Quando Travis ha realizzato il suo shooting presso il rifugio della Fundacion Benjamin Mehnert di Siviglia, erano in corso i preparativi per la partenza di un grande numero di cani verso la Francia, il Belgio e la Germania per raggiungere le loro famiglie di adottanti.

Travis si trovava in quel rifugio per realizzare degli scatti che potessero catturare i momenti toccanti della separazione tra quei cani che portavano ancora i segni fisici e psicologici dei maltrattamenti subiti e i volontari del rifugio che li avevano salvati, curati e amati.

Dopo aver colto quei momenti così delicati e toccanti, il fotografo americano ha fatto ritorno a Madrid da dove è ripartito per il ritorno a Chicago, ma non era da solo, sì perché Travis ha portato con sé quattro dei cani in cerca di famiglia che aveva incontrato al rifugio di Siviglia che lo avevano particolarmente colpito.

 

E così Pumba, Minon, Andre e Mago hanno trovato un nuovo compagno umano e negli Stati Uniti potranno conoscere la sorella Gretta e il fratellino Cubano.

Che persone meravigliose ci sono al mondo, ce ne vorrebbero molte di più.

 

Foto di Travis Paternaude, sito ufficiale https://www.stinkeyephotography.com/fine-art

SOSTIENICI