Seoul, Corea del SudUna coppia di cani regalati dalla Corea del Nord sono al centro di una disputa politica in Corea del Sud, dopo che l’ex presidente del Paese ha dichiarato di essere costretto a lasciarli nella Casa Blu (sede presidenziale sudcoreana) per l’apparente mancanza di sostegno legale e finanziario da parte del suo successore.

I due cani bianchi di razza Pungsan si chiamano Gomi e Songgang e sono il regalo all’allora presidente sudcoreano Moon Jae-in dal leader nordcoreano Kim Jong Un durante i colloqui di pace del 2018.
I cani hanno vissuto con Moon da allora, dato alla luce 12 cuccioli, anche dopo la sua successione alla presidenza da parte di Yoon Suk Yeol a maggio, anche se sono legalmente di proprietà dello Stato.

Lunedì l’ufficio di Moon ha dichiarato in un comunicato che avrebbe consegnato i cani all’Archivio presidenziale, accusando il presidente Yoon di aver bloccato le pratiche legali e ufficiali perché i cani fossero affidati definitivamente all’ex presidente.
A differenza dell’Archivio presidenziale e del Ministero degli Interni, l’Ufficio presidenziale sembra essere contrario a lasciare la custodia dei cani di Pungsan all’ex presidente Moon“, si legge nella dichiarazione dell’ufficio di Moon.
“A giudicare dai recenti resoconti dei media, l’Ufficio presidenziale non ha alcuna buona volontà di risolvere la questione in modo semplice. Sperano forse di lasciare la colpa a Moon? O perché si sentono responsabili per questi animali domestici? Siamo sbalorditi nel vedere la cattiveria dell’attuale amministrazione in mostra per una questione meschina come questa“. Non se le mandano certo a dire…

Dal canto suo, il presidente Yoon che ha già quattro cani e tre gatti, in una dichiarazione del suo ufficio lunedì, ha negato di aver impedito a Moon di tenere i cani, affermando che le discussioni tra i ministeri competenti erano in corso.
I due cani in questione sono storicamente un simbolo del disgelo dei rapporti tra le due Coree. Nel 2000, Kim Jong II regalò due cuccioli di Pungsan – chiamati Uri e Duri – a Kim Dae-jung (XV presidente della Corea del Sud, in carica dal 1998 al 2003, e Premio Nobel per la Pace nel 2000). Il leader sudcoreano ha ricambiato il favore con due cani Jindo (tipici della Corea del Sud), chiamati Pace e Riunificazione.

L’augurio è che le diatribe umane – e politiche – alla fine non siano da ostacolo alla migliore sistemazione di Gomi e Songgang che, se potessero scegliere, vorrebbero sicuramente rimanere con l’ex presidente Moon.

Fonte: CNN

Foto dal web: l’ex presidente della Corea del Sud con Gomi, uno dei due cani Pungsan, regalo di Kim-Jong Un.

SOSTIENICI