Seoul, Corea del Sud – Un nuovo sondaggio rivela che più della metà dei ventenni sudcoreani che hanno consumato carne di cane nell’ultimo anno hanno subito pressioni sociali da parte di anziani influenti, come il padre o i colleghi di lavoro.

Mentre la maggior parte degli intervistati in questa fascia d’età non ha consumato carne di cane, tra quelli che l’hanno fatto, il 54% ha riferito di averla mangiata sotto pressione, percentuale che sale al 57,4% nelle aree urbane. Ciononostante, l’indagine ha rilevato che il rifiuto di mangiare carne di cane è molto alto a livello nazionale, con l’85% delle persone che ha dichiarato di non averla mai mangiata o che non lo farà in futuro, e il 56% che è favorevole a un divieto.

La Humane Society International/Korea ha incaricato gli esperti di ricerche di mercato Nielson Korea di condurre il sondaggio su 1.500 persone provenienti da aree urbane e rurali. L’organizzazione ritiene che i giovani coreani sentano istintivamente che mangiare cani è sbagliato e che dovrebbero sentirsi autorizzati a dire no nelle situazioni sociali.

Sebbene sia chiaro che la stragrande maggioranza dei sudcoreani non mangia e non mangerà carne di cane, è comunque preoccupante che così tanti giovani coreani si sentano spinti a mangiarla anche se non vogliono. I dati mostrano che i ventenni sono più favorevoli al divieto della carne di cane rispetto alle altre fasce d’età“, ha dichiarato un responsabile locale.

Fare pressione sulle persone perché mangino carne di cane deve diventare socialmente inaccettabile e i giovani coreani, come me, devono sentirsi autorizzati a dire no e ad attenersi ai propri principi“, ha concluso. “È ironico che, mentre il diritto di scelta dell’individuo è la ragione principale adottata da coloro che si oppongono al divieto della carne di cane, il nostro sondaggio suggerisce che se la pressione sociale fosse rimossa, un numero ancora maggiore di persone eserciterebbe tale scelta non mangiando affatto la carne di cane“.

I principali risultati dell’indagine sono i seguenti:

Il 6% delle persone in Corea del Sud dichiara che non ha consumato o non consumerà carne di cane in futuro.
Il 6% dei ventenni che ha mangiato carne di cane nell’ultimo anno lo ha fatto nonostante non volesse farlo.
Il 2% a livello nazionale è stato introdotto alla carne di cane per la prima volta dal padre e il 22% dal collega più anziano.
Il 7% a livello nazionale si dichiara preoccupato per il benessere dei cani allevati per la carne.
L’1% a livello nazionale ritiene che la carne di cane non sia sicura o igienica da consumare.
Il 56% a livello nazionale è favorevole a un divieto sulla carne di cane.
L’1% degli intervistati a livello nazionale che si oppone al divieto della carne di cane lo fa perché ritiene che debba essere una scelta individuale.

Il mese scorso, il membro dell’Assemblea del Partito Democratico Jeoung-ae Han ha espresso la sua frustrazione per il fatto che il Ministero della Sicurezza Alimentare e dei Farmaci non stia facendo abbastanza per affrontare l’industria illegale e pericolosa per l’igiene pubblica della carne di cane. “Secondo la legge sulla sanificazione degli alimenti, la carne di cane non è considerata cibo, quindi è chiaro che il commercio di carne di cane è illegale. La legge attuale stabilisce che il Ministero può reprimere la macellazione dei cani, la lavorazione, la distribuzione e la cottura della carne di cane perché è illegale. Tuttavia, il Ministero non svolge il suo lavoro, ha dichiarato Han. “È una minaccia per la salute delle persone chiudere un occhio sulla carne di cane lavorata in modo non igienico“.

Nel novembre dello scorso anno è stata annunciata una task force governativa, istituita nel dicembre del 2021, per valutare le opzioni per un divieto della carne di cane. Nonostante i sondaggi mostrino che la maggioranza dei coreani sarebbe favorevole a un divieto, la task force ha ritardato per due volte la pubblicazione delle sue conclusioni ed è rimasta in silenzio dal giugno di quest’anno. Le associazioni di attivisti che lavorano sul territorio continuano ad esortare il presidente Yoon ad aiutare la Corea del Sud a unirsi ad altri Paesi asiatici come Hong Kong, Taiwan, Singapore e Thailandia per porre fine per sempre all’era della carne di cane. 

Fonte: World Animal News

SOSTIENICI